Al Magi in bici – Da Modena

Al Magi in bici – Da Modena

100_0816Al magi in bici – Da Modena
E’ un percorso studiato per favorire la mobilità lenta in bicicletta e con un livello alto di protezione, avendo scelto strade secondarie e piste ciclabili esistenti;
Aggiungiamo inoltre che questo itinerario permette di raggiungere una località nel Comune di Crevalcore (BOLOGNINA) , che sarà un nodo importante nei collegamenti cicloturistici, essendo inserita in EUROVELO 7, a metà strada fra Bologna e Mirandola lungo la Ciclopista del Sole .

Per cui, una volta deciso di recarsi nel Cento-Pievese, in uscita dal Centro di Modena su pista ciclabile che costeggia la strada, prendiamo la via Nonantolana raggiungendo in poco tempo il quartiere Torrazzi.
Attraversando la strada principale ci inoltriamo sulla via Cavo Argine prendendo dopo poche centinaia di metri la Ciclabile per Bastiglia. (a sinistra)
Giunti al termine di questa, già nell’abitato di Bastiglia, prendiamo a destra la strada che costeggia il naviglio e che ci porta fin nel Centro di Bomporto.
Svoltando a destra in poche decine di metri si raggiunge il nuovo ponte sul Panaro e dopo aver superato questo sulla strada Ravarino-Carpi svoltiamo subito a sinistra su via Nuova, una strada secondaria che ci porta prima su via Palazzina (una sua continuazione) e dopo aver raggiunto via Sammartini svoltiamo a dx e raggiungiamo la località Stuffione.
Superato l’incrocio pericoloso (semaforo!!!) avanziamo su via del Pilastrello ed alla fine di questo (incrocio a T) svoltiamo a sn su via Argini Nord e dopo poco raggiungiamo il Castello dei Ronchi.
Già intravediamo il ponte che supera la nuova ferrovia,costruita dopo il disastro ferroviario del 07-gennaio-2005 che causò 17 vittime ed 80 feriti.
Al posto del vecchio binario è stata ora costruita la Pista Ciclabile Bologna-Mirandola-Mantova-Verona, che sicuramente convoglierà centinaia di cicloturisti provenienti da nord e che quindi potranno approfittare di questa coincidenza per dirigersi verso il territorio Cento-Pievese.
Superato infatti il ponte raggiungiamo in breve la Stazione di Bolognina della Eurovelo 7 .
Proseguendo su Via Argini nord per circa 500 metri raggiungiamo poi l’incrocio con via Moriglia 1° e da qui la località Sammartini (sede di una comunità religiosa) e da qui prendendo a destra via Spalletti e poi a sinistra via Signata, raggiungiamo l’ incrocio con via Rangona (fontanella con acqua fresca).
Svoltato a dx su via Rangona, dopo circa 2 km raggiungiamo il Ponte di Guazzaloca, dove ha sede il vero inizio del Canale Emiliano Romagnolo (C.E.R.) che ha origine dal Cavo Napoleonico e qui, dopo una serie di CHIUSE, viene innalzato dai 10 metri s.l.m. ai 26 metri s.l.m.
Raggiunta questa “altezza” il C.E.R. ha la spinta sufficiente per portare le acque lungo tutto il suo decorso fino a raggiungere le terre romagnole nei pressi di Rimini raggiungendo una zona nei pressi del fiume Uso.
Superato il ponte di Guazzaloca (CHIUSA) scendiamo a sn percorrendo per 1 km e mezzo via Riga Bassa.
Al termine di questa via si svolta a sn. in direzione di Bevilacqua ma dopo circa 100 metri si prende via Lunga che in 2 km e mezzo ci porta su via di Renazzo.
Qui giunti svoltiamo a dx verso Cento ma dopo pochissimo svoltiamo in discesa nella zona artigianale di Cento in via Europa. In questo modo raggiungiamo la Circonvallazione di Cento e la attraversiamo inserendoci in via Pecore di fianco alla CMV.
Dopo una rotonda che prendiamo verso sn raggiungiamo la parte sterrata di via Pecore che si continua con via Monteborre verso sn (verso il Centro di Cento).
Alla fine di Monteborre svoltiamo a dx su via Penzale e poi, alla fine di questa, svoltiamo a sn su via Giovannina (pista ciclabile).
Raggiunto il semaforo sempre seguendo le indicazioni della pista ciclabile proseguiamo diritto su via Matteotti fino alla Piazza del Guercino.
Il nostro percorso ci porta a proseguire diritto su via Provenzali e poi su Via Vittorio Veneto, da cui proseguiamo verso destra sui Rampari fino a Porta Pieve.
Qui, seguendo la pista ciclabile che parte proprio sulla rotonda di Porta Pieve, saliamo sul ponte e scendiamo dall’altra parte già in territorio di Pieve di Cento.
Arrivati poi alla Porta Cento alla fine della ciclabile, attorniamo la Porta Cento stessa e svoltiamo in via XXV APRILE che percorreremo fino alla fine.
Qui possiamo attraversare la strada e siamo proprio al MUSEO MAGI DI PIEVE DEI CENTO, una eccellenza nel Mondo dell’Arte.

MAGI 900
Via Rusticana A/1 40066 Pieve di Cento – Bologna – IT
Tel.+39 051 6861545 – info@magi900.com
Orari d’apertura: martedì – domenica dalle 10.00 alle 18.00.